informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come affrontare un colloquio di lavoro via Skype: trucchi e suggerimenti per prepararsi al meglio

Commenti disabilitati su Come affrontare un colloquio di lavoro via Skype: trucchi e suggerimenti per prepararsi al meglio Studiare a Livorno

E’ ormai una realtà che riguarda da vicino qualsiasi settore del mercato professionale per cui risulta fondamentale, soprattutto per i giovani alle prime esperienze, sapere come affrontare un colloquio di lavoro via Skype.

Ebbene sì, negli ultimi anni è aumentata sensibilmente la percentuale di interviste a distanza; il dato non riguarda più soltanto paesi come Stati Uniti e Inghilterra, notoriamente dotati di una visione più all’avanguardia di tanti altri,  ma anche l’Italia.
La nostra amata patria inizia finalmente a comprendere e a sfruttare le potenzialità di un colloquio di lavoro gestito tramite Skype.

La tecnologia e la conseguente rivoluzione portata delle video-interviste si traduce in una serie di vantaggi di natura pratica ed economica, sia per le aziende che per i candidati.

Colloqui su Skype: benefici per le imprese

Dal punto di vista aziendale il processo di selezione del personale attraverso un primo incontro conoscitivo in video significa ottimizzare tempi e soprattutto accorciare le distanze con le risorse umane che risiedono in altri paesi o addirittura continenti; significa quindi avere a disposizione un bacino molto più ampio dal quale attingere professionalità specializzate.

Selezione via Skype: vantaggi e opportunità per i candidati

Un tempo candidarsi per un offerta di lavoro la cui sede era a chilometri di distanza dalla propria città significava tenere pronta la valigia, prendere il treno, la macchina o l’aereo, e raggiungere l’azienda selezionatrice.

E’ ovvio che si trattava di un investimento per il proprio futuro professionale, per il quale era messo in conto un eventuale ‘fallimento’; ma è altrettanto palese che in caso di insuccesso la trasferta rappresentava un onere economico tutt’altro che irrilevante.

Oggi tutto ciò è stato totalmente eliminato da Skype e dalle video-interviste, modalità di selezione professionale che oltre a consentire un notevole risparmio economico offrono prospettive occupazionali più ampie e in alcuni casi decisamente più promettenti in ottica di carriera.

In momenti di crisi e disoccupazione avere la possibilità di allargare gli orizzonti in altre realtà geografiche è un dettaglio importante; grazie alla globalizzazione del mercato le opportunità lavorative per un giovane laureato intraprendente e pronto a spostarsi, sono aumentate e per certi aspetti anche migliorate.

Ai vantaggi in ottica occupazionale è d’obbligo aggiungere alcuni aspetti pratici e psicologici che talvolta possono influire positivamente sull’esito del colloquio:

  • Dimestichezza con gli strumenti: per un giovane abituato a muoversi e interagire quotidianamente tra contesti tecnologici e dispositivi connessi alla rete significa affrontare il momento con una ‘confidenza’ che trasmette sicurezza e di conseguenza serenità.
  • Familiarità della location: la possibilità di restare comodamente seduti alla propria scrivania, in un ambiente conosciuto e familiare, rappresenta un plus di grande valore, soprattutto per chi è particolarmente ansioso.
  • Non è necessario richiedere ferie e permessi: non essendo previste trasferte, anche chi è obbligato ad assolvere quotidianamente una serie di impegni professionali può affrontare un colloquio, senza dover utilizzare i giorni destinati a una rilassante vacanza al mare.

Attenzione però a non sottovalutare la fase di selezione a distanza; da quello che banalmente può sembrare una chiacchierata conoscitiva può dipendere il nostro futuro professionale per cui occhio a non essere troppo superficiali.

Per aiutare i giovani ad affrontare l’intervista online con successo il blog dell’Università Telematica Niccolò Cusano ha  preparato una lista di suggerimenti e trucchi per sostenere un colloquio via Skype con il giusto approccio, tecnico, pratico e psicologico.

come vestirsi per un colloquio di lavoro

Come affrontare un colloquio di lavoro via Skype: consigli e dritte per non sbagliare

Sono tanti i quesiti e i dubbi che affollano la mente di chi si appresta a sostenere una selezione a scopo professionale, sia che si svolga vis à vis che a distanza.

Di solito ci si interroga sulle domande più probabili e frequenti poste dai selezionatori, sull’outfit da indossare, sulla postura da adottare durante la chiacchierata, sulle cose da dire per fare colpo e su quelle da evitare per non compromettere la valutazione.

Noi oggi ti forniremo un vademecum che include una serie di consigli per prepararti al meglio.

E’ ovvio che non esistono regole universalmente valide per affrontare un colloquio su Skype ma è sempre meglio conoscere qualche piccolo stratagemma utile a creare una percezione positiva dell’esperienza, per il selezionatore che abbiamo di fronte e per noi stessi.

Entriamo nel dettaglio del post e scopriamo quali sono i dettagli da curare e i passaggi da gestire con particolare attenzione.

  1. Nickname e foto profilo
    Partiamo da un presupposto: presentarsi con un nome utente che riporti alla mente cartoni animati, con uno slogan evidentemente troppo colorito e con un’immagine del profilo che ritrae il pupazzetto del nostro videogiochi preferito non trasmette certo l’idea di serietà che generalmente un’azienda cerca nei propri collaboratori.
    Un nickname professionale, magari che contenga semplicemente il nostro nome e cognome, e una foto a mezzo busto, possibilmente adeguatamente coperti e senza tartarughe o scollature in bella mostra, rappresentano gli elementi ideali per un buon biglietto da visita; ma soprattutto ci consentono di non toppare prima ancora di cominciare.
    Bandite anche le sagome azzurre che Skype inserisce di default: denotano assenza di personalità e una buona dose di pigrizia.
  1. Connessione e hardware
    Una delle prerogative per evitare di far perdere tempo a chi sicuramente non ne ha molto è assicurarsi preventivamente del corretto funzionamento della connessione.
    Rallentamenti, o peggio ancora interruzioni, potrebbero far perdere il filo del discorso, la concentrazione e più drasticamente anche l’opportunità di essere valutati correttamente.
    Sappiamo tutti che l’utilizzo delle principali potenzialità di Skype presuppone alcuni hardware, tra i quali microfono, webcam e magari anche un bel paio di cuffie. Condizione imprescindibile, ovviamente, il corretto funzionamento di ognuno di essi, verificabile attraverso una serie di test video e audio.
    Di fronte a problemi tecnici inattesi e imprevedibili è sempre buona norma mantenere la calma, evitare imprecazioni, soprattutto se non siamo del tutto sicuri che il collegamento con il selezionatore sia completamente interrotto, e mostrare senso pratico e capacità di problem solving.
  1. Location
    Affinché una video-intervista si svolga nelle migliori condizioni possibili è fondamentale curare il contesto che circonda la postazione operativa.
    L’ideale sarebbe posizionare il pc su una scrivania o su un tavolo privo di oggetti, con alle spalle una parete neutra o al massimo una libreria.
    Ordine e pulizia in qualunque caso sono un must.
    L’illuminazione deve essere predisposta in maniera tale che non si creino ombre o effetti vedo-non-vedo; evitiamo quindi di dare le spalle a una finestra, in pieno giorno.
  1. Rumori e distrazioni
    Durante un colloquio di lavoro su Skype l’acustica gioca un ruolo importantissimo.
    Il consiglio è insonorizzare il più possibile la camera nella quale ci troviamo, chiudendo porte e finestre e chiedendo ai nostri eventuali co-inquilini di non disturbarci per un po’.
    Stesso discorso per le distrazioni; stacchiamo nei limiti del possibile telefoni e citofoni, spegniamo il cellulare e chiudiamo le schede del pc dalle quali potrebbero provenire suoni di notifiche e musichette varie (posta elettronica, social network e quant’altro).
  2. Abbigliamento
    Dopo aver sistemato i dettagli tecnici per la videochiamata spostiamo l’attenzione su noi stessi e cerchiamo di capire come presentarci davanti al monitor del pc.
    Risponderemo al quesito ‘come vestirsi per un colloquio via Skype?’ con un unico semplice consiglio: allo stesso modo in cui ci si veste per una selezione face-to-face.
    E’ fondamentale scegliere un outfit professionale, mostrare un aspetto pulito e curato, evitare gli eccessi e gli accessori troppo vistosi.
    Cerchiamo di evitare di indossare i pantaloni del pigiama, ‘perché tanto non si vedono in video’; potremmo essere costretti ad alzarci e a quel punto il nostro impegno per risultare professionali finirebbe in un’immagine pittoresca e alquanto ridicola.
  1. Piccoli dettagli utili
    Non sono sicuramente rilevanti ma contribuiscono al comfort della video-chiamata una serie di piccoli dettagli da sistemare sulla scrivania, accanto al pc.
    Innanzitutto potrebbe essere utile avere a disposizione un blocco per prendere appunti, un bicchiere d’acqua per contrastare l’imbarazzante e fastidioso effetto lingua felpata, e il proprio curriculum in formato cartaceo.
  1. Postura
    E’ arrivato il momento di prendere posto davanti al pc, possibilmente con un buon margine di anticipo per rispondere tempestivamente alla chiamata.
    Cerchiamo di assumere una posizione composta ma non rigida, rilassata ma non troppo.
    Durante la conversazione è consigliabile mantenere lo sguardo rivolto verso la webcam, che nel caso specifico significherà guardare negli occhi il nostro intervistatore.
    Se proprio non riusciamo a trattenere il desiderio di controllare continuamente la nostra fotogenia in video allora chiudiamo la finestra che mostra la nostra immagine.
    Altro consiglio da tenere sempre presente nell’ambito di una postura corretta è quello di evitare, nei limiti della naturalità, di gesticolare in maniera concitata.
  1. Congedo e saluti
    Saltiamo volutamente la fase del colloquio, che lasciamo alla gestione personale del candidato, e passiamo a quella del congedo.
    Dopo aver ringraziato per il tempo concessoci salutiamo cordialmente il selezionatore, evitando magari l’infantile e troppo amichevole ‘ciao ciao’ con la manina.
    Un ultimo consiglio per evitare di vanificare il lavoro svolto con tanto impegno è assicurarsi di chiudere la chiamata e interrompere il collegamento prima di lasciarsi andare a commenti a caldo troppo coloriti.
    Attenzione ai ‘fuori onda’!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali