informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come usare Telegram: come comunicare gratis con gli amici

Commenti disabilitati su Come usare Telegram: come comunicare gratis con gli amici Studiare a Livorno

Tutti conosciamo benissimo e utilizziamo quotidianamente WhatsApp, ma considerando il successo che pian piano sta conquistando sul mercato, e le numerose potenzialità che possiede, forse è il caso di iniziare a capire come usare Telegram.

In questa breve guida scoprirai cos’è Telegram, come si usa e quali sono le caratteristiche che rendono l’app differente, e per certi aspetti migliore, rispetto a WhatsApp.

Come installare e come funziona Telegram

Nata dall’idea di due fratelli russi, Pavel Durov e Nikolai Durov, Telegram è una applicazione di messaggistica istantanea, gratuita, è moto semplice da usare.

E’ un prodotto open-source estremamente intuitivo; è disponibile gratuitamente e senza pubblicità.
E’ un app perfetta per studenti, professionisti, giovani e meno giovani.

Su dispositivi mobile l’applicazione è scaricabile da Google Play, App Store e Microsoft Store; il software è disponibile per iOS, Android e Windows Phone.

E’ possibile utilizzare Telegram anche su pc e Mac, attraverso la versione desktop.

L’app di Telegram è contrassegnata da un’icona che raffigura un aereo di carta bianco all’interno di un cerchio azzurro.

Effettuata l’installazione dell’applicazione si procede con la creazione di un account collegato al numero di telefono.
Su quello stesso numero viene inviato il codice di conferma per la verifica dell’identità in caso di accesso da altro dispositivo.

Per iniziare a chattare su Telegram è necessario consentire all’applicazione di accedere ai contatti, per individuare chi utilizza il medesimo sistema di messaggistica.

Per scrivere un nuovo messaggio è sufficiente cliccare sul contatto desiderato e dalla finestra di chat che si apre selezionare l’icona dei messaggi in alto a destra: da qui è quindi possibile scegliere la tipologia di conversazione/azione (nuovo gruppo, nuovo canale, nuova chat segreta ecc.).

Sul pc l’app può essere utilizzata previo download o anche direttamente sul web senza installazione.

Le principali caratteristiche di Telegram

Le chat segrete, i potenti algoritmi sui quali si basa la sicurezza dei messaggi, l’archiviazione delle conversazioni in cloud, i supergruppi e i canali sono soltanto alcune delle caratteristiche che rendono Telegram un temibile competitor di WhatsApp.

Scopriamole insieme nel dettaglio.

Privacy e sicurezza

Una delle caratteristiche più apprezzate di Telegram è la garanzia di un elevato livello di sicurezza.

La crittografia end-to-end rende particolarmente sicure le conversazione e le protegge dagli attacchi di eventuali hacker.
Il funzionamento prevede che i messaggi vengano salvati direttamente sui telefoni, senza stanziare su un server.
Questo significa che solo gli utenti coinvolti nella conversazione possono leggere i messaggi e nessuno può intercettarli, neppure Telegram.

Per quanto riguarda la privacy, come WhatsApp, anche Telegram permette di nascondere i dettagli (data e ora) relativi all’ultimo accesso.

Le chat segrete

Parlare con qualcuno senza che gli altri se ne accorgano è possibile; ma come funziona la chat segreta di Telegram?

Il contatto con il quale si desidera comunicare riceve un invito ad entrare nella conversazione.
Nella riga di testo compare un piccolo orologio, cliccando sul quale è possibile stabilire il tempo entro il quale i messaggi devono essere autoeliminati; il range temporale selezionabile va da 1 secondo a una settimana.
L’eliminazione avviene su entrambi gli account.

La funzione è chiaramente opzionale, nel senso che puoi anche decidere di non eliminare nulla.

Le spunte

Il funzionamento relativo alle spunte è estremamente semplice: una spunta, il messaggio è stato inviato, due spunte, il messaggio è stato letto.

Non è previsto uno stato che indica la consegna al dispositivo in quanto Telegram può essere utilizzato su vari dispositivi; non sarebbe possibile indicare su quali di essi è stato consegnato.

Gli stickers

Sono elementi simili alle emoji ma più articolati e accattivanti; possono essere condivisi, ma è anche possibile aggiungerne di nuovi e  creare delle vere e proprie collezioni da condividere con la community.

Per aggiungere nuovi stickers sull’applicazione basta cliccare sull’icona della fiamma, scegliere il set che si desidera scaricare e quindi procedere con un click su ‘aggiungi’.

Se l’adesivo da aggiungere proviene da un altro utente è possibile comunque scaricarlo, cliccando semplicemente su di esso.

E’ inoltre possibile creare stickers personalizzati, attraverso un bot specifico, oppure aggiungere i pacchetti appositamente creati e disponibili online.

I gruppi e i supergruppi

I gruppi Telegram rappresentano strumenti per comunicare e condividere contenuti con più contatti contemporaneamente.

200 il numero massimo di persone che possono far parte di un gruppo; ognuna di esse può aggiungere elementi o cambiare le caratteristiche.

Se il gruppo cresce ulteriormente, superando i 200 partecipanti, avviene l’upgrade a ‘supergruppo’ che può contenere fino a 5.000 partecipanti.
I supergruppi possono avere più di un amministratore; gli amministratori sono gli unici abilitati ai cambiamenti.
I nuovi iscritti possono visualizzare tutti i contenuti e i messaggi del gruppo, anche quelli condivisi precedentemente al loro ingresso.

Tra le funzionalità dei gruppi, più utili e interessanti, la possibilità di utilizzare gli hashtag come filtri.
Il famoso simbolo del cancelletto (#) anteposto a un qualsiasi termine consente di individuare rapidamente i messaggi che contengono la stessa parola chiave.

I canali

Validissimi per diffondere messaggi a un pubblico ampio, i canali rappresentano strumenti efficaci per la promozione di contenuti finalizzati eventualmente alla fidelizzazione di una clientela.

Tra le potenzialità più interessanti l’assenza di limiti per quanto riguarda i membri; la raggiungibilità attraverso un url personalizzato; la possibilità di rimanere in contatto con la propria audience attraverso la pubblicazione, in tempo reale, di informazioni, link e news.

I messaggi veicolati tramite i canali Telegram sono pubblici e vengono sempre contrassegnati con nome e foto del canale stesso, senza lasciar comparire l’identità dell’amministratore.

Per chi utilizza lo strumento per fini professionali è importante sapere che è disponibile la funzionalità che consente di monitorare la popolarità e il gradimento del post, attraverso le visualizzazioni ricevute e le condivisioni.

I bot

In una guida che spiega come usare Telegram è praticamente impossibile non citare i bot, strumenti che completano e arricchiscono le funzionalità del sistema di messaggistica.

I bot sono app, sviluppate da programmatori esterni, che girano sulla piattaforma, e che offrono agli utenti risposte a quesiti ben precisi. Possono svolgere task differenti: giocare, effettuare ricerche, salvare promemoria, tracciare una spedizione, ecc.

Il funzionamento si basa essenzialmente sull’interazione tra l’utente e il bot che può avvenire tramite messaggi, via chat, oppure tramite richiesta online.

Telegram contro WhatsApp

Telegram contro WhatsApp

Il dilemma a questo punto è il seguente: meglio utilizzare WhatsApp, come la maggior parte degli utenti, oppure valutare la possibilità di testare Telegram e le sue interessanti e molteplici funzionalità?

Eccoti di seguito qualche piccola differenza tra le due applicazioni di messaggistica; in particolare nell’elenco che segue ti indicheremo i plus di Telegram rispetto al concorrente WhatsApp.

  • Grazie al funzionamento basato sul Cloud, e alla sincronizzazione istantanea, con Telegram è possibile accedere e visualizzare la propria chat da diversi dispositivi, anche simultaneamente.
  • Permette di nascondere la data dell’ultimo accesso ma a differenza di WhatsApp consente di applicare la restrizione a singoli contatti piuttosto che a livello globale.
  • Consente di trasferire ogni tipologia di file, compresi quelli musicali, i video, i film e le applicazioni, per un massimo di 1,5 GB.

Qual è quindi la conclusione?

Potremmo dire che Telegram è tecnicamente, e dal punto di vista delle funzionalità, superiore a WhatsApp; il tool è utilizzabile non soltanto con finalità ludiche ma anche per attività professionali.

E’ pur vero però che WhatsApp rappresenta attualmente il colosso della messaggistica ed è considerevolmente più diffuso e utilizzato rispetto a Telegram.

La scelta di scaricare l’uno o l’altro potrebbe chiaramente dipendere dagli obiettivi e dalle esigenze personali; ma l’ideale sarebbe molto semplicemente e diplomaticamente installare entrambe le applicazioni sul proprio smartphone e utilizzarle a seconda delle necessità, sfruttando le caratteristiche e le potenzialità di entrambe.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali