informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa studia l’economia: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Cosa studia l’economia: quello che devi sapere Studiare a Livorno

Se stai per scegliere l’indirizzo di studio al quale iscriverti e stai valutando le facoltà economiche allora probabilmente, tra le tante perplessità e i tanti quesiti, ti starai anche chiedendo cosa studia l’economia.

E’ una domanda lecita perché per quanto tutti utilizziamo quotidianamente i termini ‘economia’ed ‘economico’ lo facciamo quasi sempre in maniera piuttosto superficiale e imprecisa, nel senso più ampio del significato.

L’economia è una materia affascinante e allo stesso tempo complessa, che nella sua interdisciplinarità afferisce numerosissimi ambiti.

Approfondiamo …

Economia: significato

Partiamo dalla composizione della parola ‘economia’.

Il termine deriva dal greco οἰκονομία composto da: οἶκος (dimora) e νομία (nomia) che tradotto in italiano diventa amministrazione della casa.
Dal greco deriva il latino classico ‘oeconomia’ che da origine al francese ‘économie’ e dal quale, a sua volta, deriva l’italiano economia, termine attestatosi intorno alla fine del Settecento.

Treccani la definisce:

“uso razionale del denaro e di qualsiasi mezzo limitato, che mira a ottenere il massimo vantaggio a parità di dispendio o lo stesso risultato col minimo dispendio”

Prendendo ancora spunto dal sito dell’enciclopedia più autorevole d’Italia aggiungiamo che la parola economia può essere utilizzata con due accezioni diverse:

  1. insieme di attività
  2. scienza

Nel caso numero 1 ci si riferisce alle risorse di un’area e alle attività svolte per utilizzarle e gestirle.
Nel caso numero 2 ci si riferisce alla scienza che studia le attività di cui sopra (il comportamento degli uomini nell’utilizzare le risorse) e che definisce le leggi che consentono l’ottimizzazione delle risorse.

Dalle due accezioni dipende il concetto di fare economia che consiste essenzialmente nell’utilizzo attento e oculato del denaro.

Di cosa si occupa e a cosa serve l’economia

Dopo averti spiegato a grandi linee il significato del termine cerchiamo di approfondire cosa studia l’economia.

Partiamo da un piccolo excursus storico.

L’economia nasce nell’antichità per intendere esclusivamente l’amministrazione della casa.

E’ con la costituzione degli stati nazionali che viene ampliato il concetto di economia includendo la più complessa e articolata gestione delle risorse dello stato.

Possiamo a questo punto introdurre i concetti di microeconomia e di macroeconomia.
Non è difficile comprendere che il termine microeconomia afferisce alla sfera privata/aziendale e si occupa di piccole unità economiche (imprese e famiglie).
Il termine macroeconomia si occupa invece di sistemi economici complessi nei quali rientrano la gestione economica di uno stato, di un continente o di una regione geografica;  prende quindi in considerazione il reddito, il consumo, il risparmio, l’investimento e l’occupazione.

Per quanto riguarda la sfera di riferimento possiamo identificarne due ovvero quella pubblica e quella privata.

L’attività economica relativa alla sfera privata rientra nell’ambito dell’economia aziendale.
L’attività economica relativa alla sfera pubblica rientra nell’economia politica.

economia e commercio

Le facoltà di economia

Entriamo nell’ambito didattico della tematica per capire quali sono le facoltà universitarie afferenti all’indirizzo economico.

Attualmente la proposta delle università italiane è incredibilmente vasta ed è in grado di coprire un ampio bacino di settori specifici: economia del turismo, economia politica, economia bancaria, economia ambientale, economia marittima ecc.

Tra le tante facoltà economiche le più conosciute e frequentate sono essenzialmente due: Economia e Commercio ed Economia Aziendale, sotto l’ombrello delle quali troviamo poi tutte le altre branche.

Economia e Commercio è caratterizzata da un percorso di studi che si approccia in maniera ‘generalista’ alle materie trattate e che si focalizza prevalentemente sulla macroeconomia.

Economia Aziendale è invece un corso di laurea molto più ‘specifico’ che si focalizza maggiormente sulle aziende e sulle relative fasi del processo di gestione (contabilità, bilanci, costing ecc.).

In particolare, analizzando il corso di laurea triennale in ‘Economia Aziendale e Management’ erogato dall’Università Telematica Niccolò Cusano mira ad erogare conoscenze e competenze di base fondamentali in vari ambiti del settore economico.
Il percorso di studi si focalizza in maniera particolare sulla gestione delle aziende pubbliche e private, sui metodi quantitativi della matematica per le applicazioni economiche, sulla matematica finanziaria e sulla statistica.

Sbocchi professionali

Per chi è titubante in merito all’eventualità di iscriversi ad un corso di laurea ad indirizzo economico consigliamo di consultare i dati statistici di Almalaurea che, senza entrare nel merito di numeri e percentuali, rivelano un buon assorbimento dei laureati in economia da parte del mercato professionale.

Prima di addentrarci nei meandri di sbocchi lavorativi più o meno concreti e/o allettanti è d’obbligo sfatare un mito.

Generalmente quando si parla di laurea in economia si tende ad associare il titolo alle tradizionali professioni del commercialista, del contabile o del consulente economico.

La realtà dei fatti è ben diversa e decisamente più allettante in termini di opportunità di impiego.
Un laureato in economia ha davanti a sé opportunità occupazionali che afferiscono a numerosi e svariati settori:

  • amministrazione, contabilità e controllo sia nelle imprese pubbliche che private;
  • gestione delle risorse umane;
  • consulenza aziendale, nell’ambito delle aziende e dei mercati finanziari;
  • supporto e consulenza alla clientela relativamente a servizi finanziari e commerciali nell’ambito di banche, istituti finanziari e assicurazioni;
  • Elaborazione, analisi e monitoraggio di dati statistici rilevati a fini previsionali.

Ora che hai un quadro più completo della materia puoi decidere con maggiore consapevolezza la strada da intraprendere per realizzare la tua ambizione professionale.

In bocca al lupo 🙂

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali