informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Domande frequenti in un colloquio di lavoro in inglese: ecco come rispondere

Commenti disabilitati su Domande frequenti in un colloquio di lavoro in inglese: ecco come rispondere Studiare a Livorno

Il blog di Unicusano propone oggi un interessante approfondimento sulle domande frequenti in un colloquio di lavoro in inglese.

Attualmente le ambizioni lavorative di tantissimi giovani non riescono a trovare sbocchi occupazionali concreti in Italia. Non a caso sono sempre più numerosi i neo-laureati che, scoraggiati dalla staticità del mercato italiano e dalle scarse prospettive in termini di impiego e crescita professionale, decidono di varcare i confini nazionali.

Per chi sceglie di rimanere nell’ambito dei paesi europei la meta più gettonata è l’Inghilterra, e in generale tutto il Regno Unito; per quanto si tratti di una realtà promettente in termini di lavoro presuppone la conoscenza e padronanza, di livello medio-alto, della lingua inglese.

Dopo aver predisposto un invio massiccio di curriculum ad aziende e multinazionali appartenenti all’ambito della nostra specializzazione, è tempo di prepararci ad affrontare un colloquio di lavoro in inglese.

Ormai tutti i percorsi formativi universitari, a qualsiasi indirizzo facciano riferimento, prevedono corsi di lingue straniere, tra le quali troneggia ovviamente l’idioma più parlato sull’intero pianeta.
Non per questo bisogna sottovalutare l’importanza  di padroneggiarla perfettamente per fare una buona impressione.

Ecco quindi una serie di consigli per sostenere un colloquio di lavoro in inglese, per rispondere alle domande in maniera appropriata e per fare colpo sull’intervistatore.

Colloquio di lavoro in inglese: consigli

Prima di svelare quali sono le domande più comuni poste dai selezionatori in fase di colloquio conoscitivo ti forniremo qualche consiglio utile per prepararti alla selezione.

Il primo step, sul quale si basa in gran parte il successo del colloquio, riguarda l’apprendimento dei termini inglesi che fanno riferimento al nostro ambito di specializzazione.
Partendo dalla solida base di un vocabolario tecnico, ricco e ben strutturato, hai la possibilità di gestire con maggiore semplicità e serenità la ‘chiacchierata’ in inglese con il tuo intervistatore.

Alla padronanza della lingua bisogna aggiungere una buona conoscenza dell’azienda per la quale ti stai candidando; il consiglio è di informarti in merito ai suoi obiettivi, alle linee generali sulle quali si basa l’operatività, al target al quale si rivolge, alla reputazione che vanta online e all’impostazione produttiva che la contraddistingue.
Risulta pertanto utile spulciare il sito istituzionale, le pagine social e gli articoli di eventuali blog o portali di settore che in qualche modo ne parlano.

Prepararsi a un colloquio di lavoro in inglese: le domande più frequenti e le risposte ‘giuste’

Partiamo dalla classica domanda rompi-ghiaccio che caratterizza la quasi totalità delle selezioni professionali: ‘tell me about yourself’ ovvero ‘parlami di te’.

La risposta risposta presuppone una presentazione in inglese di sè stessi vanta un ampio raggio di possibili argomenti ma cerchiamo di selezionare soltanto quelli che davvero contano per l’intervistatore e che hanno una stretta correlazione con il ruolo da ricoprire.
Evitiamo quindi di incamminarci sulla strada dei lunghi monologhi che partono dall’infanzia  e toccano le varie tappe della nostra vita. Evitiamo di elencare tutti i  nostri dati anagrafici, stile carta d’identità parlante; il nostro curriculum riporta già tali informazioni, tra l’altro piuttosto irrilevanti ai fini di un eventuale assunzione.

Concentriamoci piuttosto sulla nostra formazione, su eventuali master e corsi di specializzazione e, se possibile, su precedenti esperienze lavorative.

Possiamo poi ampliare la risposta con qualche dettaglio sui nostri interessi, evidenziando qualità e propensioni che possono rivelarsi utili per la mansione per la quale ci stiamo candidando.

Tra le domande frequenti in un  colloquio di lavoro in inglese non può mancare: ‘Why are you interested in working for our company?’ ovvero ‘perché vorresti lavorare per la nostra azienda?’.

E’ un quesito tanto semplice quanto insidioso; sarebbe il caso di preparare la risposta in anticipo, a mente lucida e senza la pressione esercitata dal contesto.

Il primo consiglio è di non mostrare esitazioni e di non lasciarsi scappare risposte prive di personalità del tipo ‘non saprei’.
Sono da evitare categoricamente anche gli eccessivi apprezzamenti sull’azienda; al selezionatore non interessano i tuoi complimenti ma il contributo che la tua professionalità può portare alla produttività.

Cerca quindi di mettere in evidenza le tue competenze e il loro perfetto allineamento con il ruolo da ricoprire.

Domande da fare ad un colloquio di lavoro in inglese

La quasi totalità dei colloqui di lavoro, che si svolgano in lingua inglese, italiana o cinese, attraverso la modalità a distanza o vis à vis, si concludono con il fatidico quesito ‘hai qualche domanda?’, che pronunciato dal nostro intervistatore inglese diventa ‘do you have any questions for me?’.

Può sembrare una banalità e magari presi dall’entusiasmo di aver ormai concluso la ‘prova’ rischiamo di comprometterne seriamente l’esito.

Cerchiamo di giocarci al meglio quest’ultima carta, sfruttandola a nostro favore.

Innanzitutto evitiamo di bruciare l’intera performance con un secco ‘di cosa si occupa l’azienda?’; è vero che non esistono domande stupide ma questa sarebbe l’eccezione che conferma la regola.
L’intervistatore potrebbe pensare, giustamente, che ci stiamo candidando per entrare a far parte di un’azienda senza sapere neppure di cosa si occupa.

Puntiamo piuttosto sulla nostra conoscenza del settore nel quale opera la realtà aziendale; mostriamoci interessati a conoscere ulteriori dettagli in merito, approfondendo determinati aspetti inerenti l’operatività dell’azienda.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali