informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Finanziamenti per start up innovative: bandi pubblici, business angel e prestiti bancari

Commenti disabilitati su Finanziamenti per start up innovative: bandi pubblici, business angel e prestiti bancari Studiare a Livorno

Ecco finalmente la risorsa che stavi cercando: una guida completa che ti spiegherà come reperire i finanziamenti per start up innovative.

Sono sempre più numerosi i giovani neo-laureati che, stanchi di cercare lavoro o di accontentarsi di impieghi poco gratificanti e sottopagati, decidono di intraprendere la strada dell’imprenditorialità.
L’attuale contesto economico non promette grandi prospettive in termini occupazionali; l’unico modo per farsi largo sul mercato e raggiungere il successo in un determinato settore è rimboccarsi le maniche.

Due gli aspetti imprescindibili per entrare nel fantastico mondo delle start up: creatività e innovazione.

Ora starai sicuramente pensando che l’idea è molto allettante ma che tra il dire e il fare c’è di mezzo… l’euro, un bel po’ di euro.

Ora, a meno che tu non abbia la fortuna di ricevere un’eredità inaspettata o di avere genitori ricchissimi la domanda nasce spontanea: ‘dove trovo i soldi per realizzare la mia idea ‘fighissima’ di start up?’

Prima di iniziare a parlare di costi e finanziamenti per start up innovative è fondamentale conoscere nel dettaglio la realtà imprenditoriale di cui stiamo parlando.

Cos’è una start up innovativa e come avviarla

Prendendo spunto dalla definizione del Decreto Legge n.179 del 18 ottobre 2012 possiamo definire la start up innovativa come una società di capitali, costituita anche sotto forma di cooperativa o di società europea, con sede fiscale in Italia, che risponde a determinati requisiti ed ha come oggetto sociale l’esclusivo o prevalente sviluppo e commercializzazione di prodotti e servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Le forme societarie previste per tali tipologie di imprese sono: srl (società responsabilità limitata), spa (società per azioni), sapa (società in accomandita per azioni) e le società cooperative.

Per sviluppare un’idea e avviare una start up innovativa è necessario innanzitutto possedere una serie di requisiti personali e professionali; senza le adeguate competenze rischi di perdere tempo e denaro, quindi presta particolare attenzione a questo paragrafo.

Uno startupper di successo deve: conoscere gli strumenti di valutazione economico-finanziaria di un progetto di investimento e le fonti di finanziamento nell’attuale complesso panorama economico; deve possedere una professionalità manageriale, in grado di gestire tutte le fasi che caratterizzano la vita di un’impresa.

La specializzazione risulta in tal caso indispensabile.

Sulla base di tale premessa l’Università Telematica Niccolò Cusano ha attivato il master in Start up d’Impresa, un percorso post-laurea di I livello afferente alla facoltà di Economia.

Il corso Si rivolge sia ai laureati che desiderano creare una start up di successo, sia ai professionisti che hanno l’esigenza di aggiornare il proprio know-how.

Tra i plus del master la possibilità di scegliere la formazione a distanza, strutturata sulla base di una piattaforma telematica contenente tutto il materiale didattico.
Accessibile da pc o da dispositivo mobile l’innovativo strumento consente di studiare e seguire le lezioni comodamente da casa, senza vincoli di orario.

Finanziamenti per start up innovative: le fonti

Entriamo finalmente nel cuore del nostro articolo per scoprire quali sono le possibili fonti di finanziamento alle quali attingere per avviare un’impresa e lanciarla sul mercato.

Se hai la possibilità di utilizzare capitali e risorse provenienti da genitori, amici e familiari significa che gran parte del lavoro è già fatto.
Se invece parti da zero allora sappi che hai a tua disposizione differenti alternative

Prestito bancario

E’ una delle primissime possibilità a cui generalmente si pensa; ma non è sicuramente la più conveniente.
Primo ostacolo: per ottenere liquidità è richiesto l’impegno di beni mobili o immobili a garanzia, e non tutti hanno tale disponibilità.
Il secondo punto a sfavore riguarda gli interessi che gravano sull’importo del finanziamento; un ulteriore costo per il giovane imprenditore, aspirante startupper.

Di contro c’è però il vantaggio che tale forma di finanziamento consente di rimanere in possesso delle quote societarie, che altrimenti verrebbero cedute in cambio di capitale.

Finanziamenti pubblici

Una delle soluzioni di finanziamento più vantaggiose per avviare una start up in Italia è rappresentata dall’accesso alle agevolazioni e ai finanziamenti messi a disposizione dai Comuni, dalle Regioni, dagli Enti Territoriali o dall’Unione Europea.

La buona notizia è che molti bandi prevedono l’erogazione di contribuiti a fondo perduto; altri offrono tassi agevolati; altri ancora erogano finanziamenti sotto forma di crediti d’imposta (bonus e agevolazioni fiscali).

Per accedere ai fondi pubblici è importante mantenersi costantemente aggiornati  su eventuali bandi e sui relativi termini e requisiti di partecipazione.

Business Angel o Venture Capital

Si sente sempre più spesso parlare di imprenditori con la vocazione del ‘talent scout’, ovvero di esperti in particolati settori del mercato che decidono di finanziare idee imprenditoriali valide e promettenti.
Sono chiamati Business Angels e oltre al capitale mettono a disposizione delle emergenti imprese anche esperienza e know how.

Stesso discorso per i Venture Capitalist, con l’unica differenza che intervengono durante la fase di sviluppo della start up, con finanziamenti decisamente più ingenti rispetto alle cifre messe a disposizione dal Business Angel.

L’unico contro, se così possiamo definirlo, è che in entrambi i casi l’investitore acquisisce parte delle quote della società.

Crowdfunding

Tra gli strumenti rivolti a favorire lo sviluppo delle start up e delle PMI innovative si fa strada anche l’equity crowdfunding, ovvero il  processo che, attraverso portali e piattaforme su internet, prevede l’erogazione di finanziamenti in cambio dei quali si ricevono titoli di partecipazione nella società.

Ora che sai come finanziare una start up innovativa non ti resta che iniziare a progettare lo sviluppo della tua idea. Se non ne hai ancora una allora metti in moto la tua creatività: studia il mercato attuale, la domanda, l’offerta le esigenze degli individui; Aggiungi un ‘pizzico’ di innovazione tecnologica e il gioco è fatto; o quasi …

L’importante è partire… 😉

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali