informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è e come funziona la metodologia lean?

Commenti disabilitati su Cos’è e come funziona la metodologia lean? Studiare a Livorno

Secondo le rilevazioni statistiche degli ultimi anni il trend relativo alla richiesta di profili esperti nella metodologia lean è aumentato in maniera costante.

Progresso tecnologico e crisi sono i fattori che hanno determinato, per molte aziende, l’esigenza di conseguire un vantaggio competitivo sul mercato attraverso una ‘gestione snella’, orientata ad ottimizzare tempi e costi di produzione.

La richiesta di figure professionali qualificate a gestire il processo produttivo senza sprechi di nessun genere si registra prevalentemente nei settori agro-alimentari e metalmeccanico.
Nel primo caso l’operatività riguarda soprattutto l’applicazione della tecnica just in time mentre nel campo metalmeccanico riguarda l’informatizzazione e la digitalizzazione dei processi.

Per comprendere meglio, la tecnica just in time prevede la riduzione dei tempi di risposta alla richiesta del cliente e della consegna del prodotto/servizio.
L’obiettivo, in tal senso, consiste nel produrre solo ciò che chiede il cliente, nel momento e nella quantità in cui effettua la richiesta.

Sono quindi le esigenze della clientela a creare il flusso (sistema pull).

Cos’è e come funziona l’approccio lean

Racchiudere il concetto di lean management in una definizione è quasi impossibile, anche perché non si tratta soltanto di una strategia operativa di gestione ma di una filosofia di lavoro.

È un vero e proprio modo di pensare, definito ‘lean thinking’ che presuppone processi di apprendimento e lo sviluppo di una serie di valori.

Per iniziare a familiarizzare con la metodologia potremmo dire che si tratta di una gestione aziendale finalizzata al raggiungimento di miglioramenti qualitativi e quantitativi, da conseguire attraverso la riduzione, o totale eliminazione, degli sprechi.

Il cliente è considerato il fulcro intorno al quale ruota il metodo; la percezione del valore da parte del target di riferimento è il principale elemento da tenere in considerazione in fase di produzione, in quanto è l’aspetto che determina un riconoscimento economico.

Creare valore per il cliente è quindi l’obiettivo principale dell’approccio lean.

Volendo sintetizzare i vantaggi della produzione snella in un elenco potremmo dire che:

  • Riduce gli sprechi
  • Riduce i costi di produzione
  • Riduce le tempistiche relative al processo produttivo
  • Riduce lavoro e fatica
  • Riduce le scorte di magazzino
  • Migliora e aumenta la capacità produttiva

Un po’ di storia: le origini del metodo Toyota

Il metodo lean è conosciuto anche come TPS (Toyota Production System) che in italiano diventa ‘metodo di produzione Toyota’.

Le origini risalgono agli anni 40 e, come si evince dal nome, sono legate all’azienda automobilistica Nipponica.
La metodologia è stata sviluppata dagli ingegneri della Toyota, sulla base di un’analisi accurata delle fasi produttive e di un’ottimizzazione dei processi finalizzati a ridurre gli sprechi.

Ci si basa quindi su criteri di flessibilità e velocità orientati alla creazione di valore per il cliente e al miglioramento delle performance dell’azienda.

Il costruttore giapponese, pur differenziandosi dal sistema sviluppato da Ford agli inizi del ‘900, ha fatto comunque tesoro delle esperienze pregresse del metodo occidentale.
Il metodo Toyota ha infatti incorporato metodi e principi sperimentati nel corso degli anni nell’ambito della gestione aziendale.

I principi della lean strategy

La base della lean production è sintetizzabile in 5 principi, che analizzeremo di seguito nel dettaglio.

Il primo principio riguarda la definizione del valore secondo il punto di vista del cliente finale.
Si parte quindi da un quesito: ‘quanto il cliente è disposto a pagare?’.

Il secondo criterio si riferisce alla necessità di distinguere tra le attività che aggiungono valore per il cliente e quelle che invece non aggiungono alcun valore.
Il processo di selezione è finalizzato ad un impiego ottimale delle risorse aziendali, eliminando quelle attività non necessarie senza intaccare il valore percepito dal cliente.

Il terzo criterio afferisce all’analisi dei processi di business, un’operazione che mira ad individuare eventuali criticità (sprechi) e a far emergere opportunità di miglioramento.

Il quarto criterio riguarda la standardizzazione dei processi realizzata attraverso il continuo apprendimento.

L’ultimo, ovvero il quinto criterio, si riferisce ad una strategia che mira ad un miglioramento costante, una sorta di perfezione che coinvolge tutti i livelli dell’organizzazione.

approccio lean

Lean manager: cosa fa

Semplificare e velocizzare i processi di produzione; in altre parole migliorare le performance produttive di un’azienda: questo è l’obiettivo cui tende l’attività di un lean manager.

Per comprendere meglio il concetto è sufficiente pensare alla competitività e alla dinamicità dei mercati, all’interno dei quali la domanda varia continuamente.
Le aziende che intendono adottare un approccio lean devono innanzitutto ascoltare il target di clienti al fine di poter sviluppare offerte attraenti.

Il profilo nasce quindi dall’esigenza delle imprese di essere competitivi, di ponderare le scelte economiche, di  valutare con attenzione costi e tempistiche produttive.

Sempre più spesso gli imprenditori decidono quindi di affidare la gestione di tali aspetti ad un professionista, esperto in processi di semplificazione, ottimizzazione delle risorse e riduzione degli sprechi.

La figura professionale si occupa di:

  • Massimizzare l’efficienza produttiva attraverso la riduzione dei costi, dei tempi, degli scarti e di tutte le attività che non producono valore.
  • Individuare e colmare le carenze attraverso la riqualificazione delle aree afferenti il processo produttivo (logistica, acquisti, sistemi informativi ecc.).
  • Gestire l’aspetto relazionale, con la direzione, i lavoratori, i fornitori e i clienti.
  • Attuare i principi del rinnovamento a piccoli passi (kaizen) incentivando la collaborazione tra le risorse umane e l’assunzione di responsabilità da parte di ogni singolo individuo dello staff.

Per l’importanza che riveste nell’ambito della gestione aziendale il profilo fa parte dello staff direzionale e gode pertanto di potere decisionale e operativo.

Le propensioni e i requisiti personali

Il lean manager, o lean manufacturing manager, deve essere una persona carismatica, in grado di guidare l’ottimizzazione del processo produttivo dal punto di vista tecnico ma anche attraverso l’esempio.

Trattandosi di un profilo che interagisce con i vari team coinvolti nel processo di miglioramento egli deve possedere buone doti comunicative e relazionali; deve essere flessibile, versatile e dotato di uno spiccato senso logico.

Tra le soft skills fondamentali rientrano: leadership, problem solving, decision making, time management, stress management, precisione, capacità di pianificazione, organizzazione e gestione.

La formazione

Dal punto di vista formativo il percorso del lean manager è simile a quello per diventare project manager.

Le conoscenze di base, sulle quali impostare una carriera di successo, riguardano prevalentemente il budgeting, la task analysis, le metodologie lean.
Sono necessarie anche competenze informatiche relative a gestionali dedicati e ovviamente al pacchetto Microsoft Office.

Un professionista deve conoscere i più evoluti modelli di gestione industriale; deve inoltre essere in grado di valutare i processi produttivi in funzione di quelle che sono le esigenze del cliente finale.

Un profilo qualificato deve essere in grado di ottimizzare le risorse aziendali, ma anche di individuare e implementare soluzioni economicamente sostenibili, con l’obiettivo di rendere l’azienda competitiva sul mercato.

Il percorso di studi più idoneo per chi intende intraprendere la carriera di lean manager è quello ingegneristico; tra gli indirizzi che garantiscono una preparazione spendibile nell’ambito della produzione snella rientra il curriculum gestionale.

Il programma del triennio del corso di laurea in Ingegneria Industriale – curriculum gestionale attivato dall’università telematica Niccolò Cusano include un modulo interamente dedicato ai ‘sistemi integrati di produzione’ nell’ambito dei quali è previsto un approfondimento sulla cosiddetta ‘lean production’.

Se vuoi ricevere ulteriori informazioni sul corso di laurea in Ingegneria gestionale Unicusano non esitare a contattare il nostro staff attraverso il modulo online che trovi cliccando qui!

 

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali