informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Primo esame o ultimo: quale dei due è il più difficile da affrontare?

Commenti disabilitati su Primo esame o ultimo: quale dei due è il più difficile da affrontare? Studiare a Livorno

Se sei intenzionato a proseguire gli studi dopo il diploma di scuola secondaria di 2º grado, con tutta probabilità ti starai già chiedendo se sia più difficile sostenere il primo esame o l’ultimo.

In questa mini guida dell’Università telematica Niccolò Cusano di Livorno proveremo a rispondere a questa domanda che preoccupa gran parte degli studenti.

Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado – liceo o istituto tecnico/professionale che sia – all’università presenta spesso qualche difficoltà.

Si entra infatti in un sistema di apprendimento completamente nuovo, per struttura e livello di complessità: addio all’intimità di classe, didattica più articolata e specifica, maggiore volume di studio.

L’inizio, a volte, può essere così difficile al punto che molti studenti hanno bisogno dell’intero primo semestre per ambientarsi nel tessuto universitario.

Primo esame all’università: difficoltà e aspetti positivi

Alla luce di tutto ciò, in tanti credono che il primo esame sia il più difficile, vuoi perché serve a misurare l’impatto con una realtà nuova, ma soprattutto spaventa perché richiede un approccio completamente nuovo allo studio a chi è reduce dalle scuole superiori.

Le matricole si ritrovano infatti proiettate in un mondo nuovo e non conoscono del tutto le modalità del primo esame. Per questo, per molti studenti il primo esame è una prima prova che serve per rompere il ghiaccio con l’università.

In molti casi il risultato del primo esame universitario equivale a un’insufficienza o ad un voto assai basso. Poco male, perché l’importante è capire gli errori e adeguare il proprio metodo di studio, senza farsi sopraffare dall’ansia.

Detto della grande preoccupazione che suscita il primo esame, c’è da dire che un’altra fetta di studenti lo ritiene, al contrario, più semplice rispetto a tutti gli altri.

La motivazione è presto svelata: molti ritengono che buona parte dei docenti si riveli più comprensiva con coloro che sostengono il primo esame.

I professori hanno un atteggiamento più bonario e meno rigido perché consapevoli delle difficoltà della “prima volta” delle matricole.

L’atteggiamento comprensivo del corpo docenti riguarda anche il futuro degli studenti: un buon voto al primo esame rappresenta un’iniezione di fiducia incredibile, che spinge le matricole a proseguire la carriera universitaria.

A un passo dalla laurea

Primo esame o ultimo, questo è il problema (direbbe Shakespeare). Detto delle difficoltà e degli aspetti positivi del primo esame, ti occorre sapere qualcosa di più riguardo l’ultimo esame universitario.

Innanzitutto, si tratta di un’ultima verifica prima del coronamento di un lungo percorso, che si realizzerà con il conseguimento della laurea.

Ciò comporta due aspetti:

  • da una parte lo studente è forte di una lunga esperienza con lezioni, professori ed esami, il che gli consente di gestire le difficoltà con maggior consapevolezza
  • dall’altra parte la stanchezza affiora, le energie scarseggiano e la mente è proiettata alla tesi di laurea

Non solo, perché molto spesso l’ultimo esame è quello meno gradito dagli studenti, che infatti lo affrontano come ultimo step, preferendo concentrarsi sugli altri esami.

Infine, l’ultimo esame ha la grande responsabilità di mantenere alta la media voti subito prima della discussione della tesi di laurea.

La lode, infatti, viene assegnata sommando il punteggio della tesi a quello della media voti. Ecco spiegate le alte aspettative nei confronti dell’ultimo esame.

È, questo, un momento non privo di tensioni e ansie, da affrontare però con convinzione e con la consapevolezza di essere giunti (quasi) alla fine della carriera universitaria.

Primo esame o ultimo, qual è il più difficile?

In base a quanto visto finora, è più difficile il primo esame o l’ultimo? È impossibile dare una risposta definitiva perché dipende dalle caratteristiche di ognuno di noi e dalla facoltà a cui si è iscritti.

Non tutti siamo uguali nell’approcciare ad una situazione: c’è chi ci mette del tempo a metabolizzare i cambiamenti (e chi si adegua subito) oppure chi arriva esausto alla fine di un percorso.

Ci sono, poi, dei periodi dell’anno in cui concentrarsi è più complicato o, ancora, ci sono momenti della vita in cui le vicende personali influiscono positivamente o negativamente sullo studio.

Sicuramente il primo esame e l’ultimo all’università hanno i loro pro e contro, ma il consiglio è di non lasciarsi abbattere da nessuno dei due.

Infine, alle difficoltà intrinseche degli esami, durante il 2020, gli studenti hanno dovuto far fronte anche all’emergenza sanitaria in atto legata al Coronavirus.

È un fatto nuovo e destabilizzante, destinato forse ad influenzare la vita universitaria (e tutto il resto) da qui in avanti, nonostante l’imminente vaccino.

Gli studenti si sono dovuti adeguare a modalità universitarie completamente nuove: lezioni erogate ed esami sostenuti online, sui portali telematici degli Atenei o grazie ad applicazioni come Zoom.

In questo, Unicusano ha anticipato i tempi, mettendo a disposizione degli studenti una struttura universitaria interamente telematica e fruibile h24.

Credits immagine: DepositPhoto.com/VitalikRadko

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali